MAGAZINE
cerca per argomento

Gabbie per pappagalli, guida all’acquisto

DIMENSIONI, MATERIALI E ACCESSORI PER LA VOLIERA DEI PENNUTI
Te li immagini appoggiati fieri sulla spalla di pirati che solcano i mari con barche in legno dalle immense bandiere o appollaiati fedelmente sul braccio di eremiti dalla lunga barba che abitano isole deserte dove la natura è unico sostentamento.

I pappagalli, però, non sono solo compagni fidati di eroi da romanzo di avventura o di personaggi leggendari. Questi incantevoli uccelli esotici dall’indole selvatica possono essere animali domestici affettuosi, intelligenti e dalla forte sensibilità.
Proprio la loro natura libera e la loro empatia rendono la gestione di questi animali particolarmente impegnativa.

Per questo, è importante assicurargli condizioni di vita ottimali.
A partire dalla scelta della gabbia.
In questo articolo, quindi, offriremo indicazioni e suggerimenti per acquistare le gabbie per pappagalli.
 
DIMENSIONI
La gabbia dei pappagalli deve essere confortevole e sufficientemente ampia: deve consentire al pappagallo di muoversi serenamente e di aprire le ali. In questo senso, bisogna tenere conto della dimensione e della quantità degli animali, ma anche degli oggetti da inserire: posatoi, ciotole e giochi non devono creare ‘sovraffollamento’.
La voliera deve misurare – in larghezza – almeno una volta e mezza l’apertura alare dell’uccello e deve assicurare spazio alla coda, che non deve toccare il retro o la base della struttura (quando è appollaiato sul posatoio).

I pappagalli hanno bisogno di riferimenti. Per questo, la gabbia deve essere di forma quadrata o rettangolare. Una voliera con i lati smussati farebbe sentire questi animali esposti e provi di rifugi, in caso di spavento.
 
SICUREZZA
Lo spazio tra le sbarre deve essere adeguato alle dimensioni dell’animale, per evitare che vi infili la testa e che tenti la fuga.
A proposito di sbarre, è preferibile siano orizzontali, così da stimolare l’attività del pappagallo – che, in questo modo, può arrampicare (attività istintiva per lui).

Sempre in tema di sicurezza, è basilare scegliere una gabbia per pappagalli fatta di materiale solido, a prova di becco. I pennuti amano rosicchiare, pertanto legno e plastica potrebbero soccombere morso dopo morso. Meglio acquistare una gabbia cromata o in ottone.
Attenzione anche a riutilizzare vecchie voliere per pappagalli, in quanto la vernice potrebbe staccarsi dalle sbarre e l’animale potrebbe ingerirla, mordicchiandola.
 
UBICAZIONE
L’ubicazione delle voliere per pappagalli all’interno degli spazi di casa è un aspetto da non sottovalutare.
Questi pennuti coloratissimi, infatti, sono sensibili a gas e fumi. L’esposizione al gas dei prodotti per la pulizia o al fumo di sigaretta, ai vapori della cucina o all’odore della vernice fresca potrebbe essere fatale per loro.
L’ideale sarebbe collocare la gabbia in una zona luminosa (ma non ai raggi diretti del sole – che potrebbero alzare eccessivamente la temperatura), priva di correnti d’aria (ma con un buon riciclo) e di vibrazioni e al riparo dagli animali domestici.
Importante è sistemarla a un’altezza di circa 170 centimetri da terra: trovandosi più in basso, l’animale potrebbe sentirsi minacciato, qualora qualcuno si avvicinasse.
 
ACCESSORI
Nella gabbia dei pappagalli non possono mancare gli accessori indispensabili per la vita e l’attività di questi animali.
All’interno della voliera, devono essere presenti almeno 3 ciotole (in acciaio inossidabile o in plastica) per l’alimentazione (per acqua, semi e cibi freschi e secchi); posatoi per l’attività (meglio se naturali, quali rami di differente diametro) e fondo in sabbia specifica, per isolare le feci.
Qualora non si disponga di un luogo adatto alla notte, nelle ore di sonno, la struttura andrebbe coperta con un telo ad hoc.

Gabbie per pappagalli, guida all’acquisto

ALTRI ARTICOLI

Pistacchio, verde di salute, verde di bontà

Proprietà e utilizzi del frutto secco più versatile

Cocomerata d’estate

Anguria (alcolica o analcolica) regina dei party estivi

Olive che passione… Mediterranea

Verdi, nere, taggiasche