MAGAZINE
Il primo raffreddore

Il primo raffreddore

Avete partorito in autunno o all’inizio dell’inverno e ora vi trovate con un bebè che, come tutti, si è preso il raffreddore?

I primi malanni possono essere davvero fastidiosi per i neonati e il naso chiuso può causare apnee notturne che impediscono al tuo bambino di dormire bene, rendendo difficile tutta la giornata.
PRIMA DI TUTTO: NON DISPERARE!
Premesso che alla comparsa dei sintomi è sempre bene contattare il pediatra e avere un parere medico insostituibile, ecco alcuni rimedi naturali (sperimentati anche di persona) che possono alleviare il disagio del tuo bambino e farlo stare un po’ meglio.
UN CUSCINO SOTTO IL MATERASSO
Visto che i bambini durante i primi mesi respirano solo dal naso, è importante che rimanga abbastanza libero. Per evitare l’accumulo di muco, fate in modo che dorma in posizione inclinata.
Mettete un cuscino sotto al materasso all’altezza della testa.
SOLUZIONE FISIOLOGICA
Le fialette di soluzione fisiologica che si trovano in farmacia (ma anche al supermercato) sono preziosissime, perché naturali e di largo impiego.
Pulite il nasino prima dell’allattamento o al cambio, spruzzandogliene delicatamente un po’ in ogni narice e nel caso, utilizzatela per fare qualche aerosol.
Nebulizzare la soluzione fisiologica è un ottimo rimedio per sciogliere catarro e muco e evitare che arrivi ai bronchi.
La soluzione fisiologica è ottima anche per i risciacqui nasali dei grandi: ben presto vi accorgerete che in casa cominciano a girare bacilli eroici in presenza di un bambino e che se per anni non avete preso un raffreddore, ora arriveranno tutti quelli del vicinato!
PAROLA D'ORDINE: UMIDIFICARE!
Umidificare l’ambiente è una buona precauzione generale, per evitare la secchezza delle narici che è uno dei motivi di maggior disagio per il piccolo. La temperatura della stanza non deve essere eccessiva, mentre è importante che l’aria non sia troppo secca.
USCIRE CON MODERAZIONE
Se il bambino comincia ad avere il naso “che perde”, tenerlo chiuso in casa non è una soluzione obbligata. Potete anche uscire per tempi brevi e con il giusto abbigliamento (le orecchie e la gola devono essere coperte) a patto che non tiri vento e la temperatura non sia troppo rigida.
IDRATAZIONE
Se non siete più nella fase dell’allattamento esclusivo e avete già introdotto l’acqua, fate bere molto il vostro bambino. L’idratazione è fondamentale per liberarsi dalle tossine e per mantenere la gola umida e contrastare l’insorgere di placche.
FIORI DI BACH E OMEOPATIA
Durante i primi raffreddori, molti genitori si fanno aiutare dai rimedi naturali e omeopatici che a volte sembrano funzionare molto bene e aiutano il sistema immunitario del bambino ma che devono essere somministrati su indicazione di un omeopata esperto.
TANTA PAZIENZA
Eccolo l’ultimo rimedio che vi consigliamo: una buona dose di pazienza e sangue freddo.

I primi inverni sembrano interminabili, fatevi coraggio pensando che anche attraverso questi piccoli malanni, il vostro bebè sta rafforzando le sue difese immunitarie!

Il primo raffreddore

ALTRI ARTICOLI

Produzioni Made in Iper

scopri di più

CESTI NATALIZI, REGALO ALL'ITALIANA

Dolci o salate, tradizionali o particolari, le confezioni gastronomiche sono la strenna preferita per le Feste

Il viaggio nelle eccellenze

Il tour gastronomico firmato Iper La grande i