MAGAZINE
cerca per argomento
Barbecue? Mai senza carrello portavivande!

Barbecue? Mai senza carrello portavivande!

Come scegliere il barbecue da giardino e il carrello da cucina per le grigliate di primavera

Dici primavera e pensi… alla grigliata.
In giardino o sul terrazzo, al parco oppure al lago, quando la bella stagione chiama, gli irriducibili della griglia rispondono. E come potrebbe essere altrimenti?
Il barbecue è un vero must dei fine settimana primaverili, ma – per poterlo fare Bene – è basilare avere gli strumenti giusti.
Quindi… Eccoci a raccontarveli.

La scelta del barbecue

Barbecue a gas, barbecue elettrico, barbecue a legna, barbecue a carbonella, barbecue in muratura, barbecue con pietra lavica
Siete già in confusione?
Già, dietro a una semplice grigliata fra amici si nasconde un vero e proprio universo dei barbecue.Ma quali sono le differenze? Vediamo le caratteristiche di ogni barbecue, modello per modello.
Il barbecue a gas

Il barbecue a gas è facile da usare (lo accendete e iniziate subito a cucinare – come foste sul fornello), è facile da pulire e non fa fumi né odori sgradevoli. Un barbecue da balcone o da terrazzo, insomma.
Esiste in diverse dimensioni, quindi potete sceglierlo della misura più adatta alle vostre esigenze e, di conseguenza, potete optare per una bombola più o meno grande.
A proposito di bombola… oltre al fatto che il gas va tenuto sempre sotto controllo (perché può essere un affare delicato), la reperibilità di questa sostanza è un punto a sfavore del barbecue a gas: ricaricare la bombola vuota o acquistarne una nuova potrebbe non essere facile (e se la bombola finisce proprio nel bel mezzo della grigliata dell’anno?).
Inoltre, questo tipo di barbecue non è adatto al trasporto. 
Il barbecue elettrico

Il barbecue elettrico è il giusto compromesso per grigliare sul balcone o sul terrazzo.
Semplice da utilizzare (infilate la spina nella presa, lasciate scaldare 15 minuti e grigliate, grigliate, grigliate) e utilizzabile sempre e dovunque (in casa o fuori), non fa fumo e non altera il sapore degli alimenti.
Non solo.
È maneggevole e comodo da trasportare. Questo è bene, ed è male: significa che è sufficientemente piccolo per essere spostato con facilità (un ottimo barbecue portatile, insomma), ma anche che è insufficientemente grande per essere utilizzato in gruppo.
Note negative: il costo dei consumi di corrente e la difficoltà di pulizia.
Il barbecue a legna

Il barbecue a legna è sempre una buona idea.
È la griglia della tradizione e ha il fascino – e il gusto – della carne dei veri cowboy.
I punti a favore di questo barbecue, però, sono altri: la legna è reperibile sempre, e la carbonella fatta con il legname è la più naturale – e, quindi, più sana. Il palato ringrazierà (e anche la salute).
Cosa c’è che non va, allora? I tempi di preparazione (decisamente lunghi), il costo della legna e il fumo (che, oltre a stuzzicare l’appetito degli invitati, potrebbe annerire i muri e disturbare i vicini di casa).
Non è tutto: il barbecue a legna può costare più degli altri, perché è in grado di sopportare temperature maggiori.

Il barbecue a carbonella

Il barbecue a carbonella conserva il fascino del barbecue a legna e la comodità del barbecue elettrico.
Da una parte, potrete ostentare l’abilità di un esperto fuochista, dall’altra potrete prendervela comoda come foste in cucina, o trasportarla agevolmente al parco, oppure in cortile - perché questo è il classico barbecue da giardino.
Altro (doppio) plus è il vantaggio economico dato dal basso costo del barbecue e dal prezzo contenuto della carbonella (peraltro, facilmente reperibile). A proposito di carbonella, tenete conto che la brace va sempre controllata, in modo tale che non si spenga (è qui che si vede il vero animo da grigliatore).
Svantaggi: i tempi di avvio (lunghi), il fumo prodotto (nero), lo sporco generato (tanto), il lavoro di pulizia (duro).
Il barbecue a pietra lavica

Con barbecue a pietra lavica s’intende il barbecue a gas in pietra lavica.
Offre le capacità di riscaldamento della fiamma e le proprietà di propagazione di calore del materiale vulcanico (quindi naturale; quindi positivo). Come? La fiamma scalda la lastra di pietra, che cuoce le pietanza. Risultato? Carne cotta in modo omogeneo e naturale.
A patto che la fiamma sia alta e – quindi – la pietra lavica sia incandescente (pietra lavica – tra le altre cose – facile da pulire).

Il carrello portavivande

Ma i barbecue ‘non vengono mai soli’. Ad accompagnarli, nei lunghi pomeriggi e nelle interminabili serate all’insegna di carne e pesce alla brace, il prezioso carrello portavivande.
Il tavolino con le ruote è comodo per appoggiare pietanze da cuocere e attrezzi da griglia, ed è utile per trasportare agevolmente i cibi dal barbecue alla tavola.
Con vassoi, cestini e cassetti, il carrello da cucina è vostro alleato in sala da pranzo, in terrazza e in cortile.E, in versione carrello pieghevole, è facile da richiudere e sistemare in cantina.

Barbecue? Mai senza carrello portavivande!

ALTRI ARTICOLI

Sfidare il caldo... le piante grasse

Piante capaci di proteggersi dal grande caldo

E’ arrivata la grande novità di pizza Regina

Scopri il gusto di fare a metà!

Pesche Arrostite alle Spezie e Gelato alla Vaniglia

Un mix di gusti inaspettato ma... irresistibile!